sabato 30 aprile 2011

Quiche ai 4 sapori


Il tempo....porca paletta non basta mai!!! Entro a singhiozzo nel mio blog e non parliamone dei vostri....praticamente quasi mai questa settimana! Quando 4 mesi fa mi sono imbarcato in questa avventura del blog, non mi aspettavo che fosse una cosa così "impegnativa"! Ed allo stesso tempo non mi aspettavo suscitare il ben che minimo interesse da parte di qualcuno, invece mi devo ricredere su tutto. Prima di tutto l'impegno ci vuole...tempo permettendo perchè bisogna anche lavorare e seguire la famiglia. Ammetto che avevo pensato di abbandonare, ma non posso e non voglio farlo. Con alcune di voi ho un affetto particolare, ci scriviamo mail....anche solo per dirci ciao e questo a me fa piacere. Poi le oltre 8000 visite e gli oltre 2000 commenti mi fanno pensare che sto combinando qualcosa di buono....e non voglio dimenticare che io (non scherzo)6 mesi fa al massimo facevo un pane decente, cucinavo la pasta....un paio di risotti....e la carne alla griglia! Seguendo voi ed i vostri blog, oltre alla sicurezza acquisita, ho imparato a cucinare moltissime cose. Mi sono permesso di fare il panettonela sacheri muffins e moltissime altre delizie. Ci sono stati anche i fiaschi...e chi non li ha avuti...ma sono stati veramente pochi...e sempre quando ho provato ricette di dubbia provenienza! E adesso devo ammettere che quando vado nei centri commerciali sono capace di perdere la cognizione del tempo nei reparti di cucina! Quindi concludo ringraziandovi.... per seguirmi, per avermi insegnato moltissime cose e vi mando un abbraccio, anche se virtuale, dicendovi che vi voglio bene!

Adesso però passiamo alla ricetta altrimenti facciamo notte!!! Questa mattina ho aperto il blog e mi sbirciando il blogroll vedo il post di Marcella dove avvisa che oggi è l'ultimo giorno per il suo contest! ????' COSA???? ultimo giorno?? ma ma ma come, ma perchè....e mò che faccio??? Non posso "non partecipare". Allora apro il frigo, ho fatto la spesa ieri, ma la frolla non l'ho comprata...perdindirindina! Porca paletta...allora che faccio? Mi viene in mente una ricetta di Ramona salvata qualche settimana fa, dove la pasta l'aveva fatta lei. Quindi mani in pasta....e via! 

Ingredienti:

250 gr. di farina 00 
125 gr. di latte
1/2 cubetto di lievito di birra
15 gr. di zucchero
70 gr. di burro o margarina
un pizzico di sale
1 tuorlo d'uovo per spennellare (io no)

Per farcire:

fesa di tacchino q.b.
prosciutto crudo q.d
1 mozzarella
formaggio brie q.b.
salamino piccante q.b.

Procedimento:

sciogliere il lievito nel latte con lo zucchero. Setacciare la farina e avviare la planetaria. Aggiungere il latte e farlo assorbire bene, il sale ed il burro tirato fuori dal frigo 15 minuti prima....quindi ancora abbastanza duro. Lavorare bene l'impasto fino al completo assorbimento del burro e metterlo a lievitare fino al raddoppio. Dopo la lievitazione stendere 3/4 dell'impasto e metterlo in una pirofila. Per la farcitura mi sono attenuto agli ordini della famiglia, quindi lo spicchio di mio figlio l'ho farcito con crudo e mozzarella, per la principessa mozzarella e fesa di tacchino (sapete....la linea), per mia moglie mozzarella, fesa e brie e per me gli avanzi....cioè un pò di tutto ma con l'aggiunta del piccante! Ho ricoperto il tutto con la pasta avanzata e cotta a 180° per 25 minuti. La pasta di pane è un'ottima alternativa alla classica sfoglia, quindi consiglio vivamente di provarla!
Mi sembra di aver scritto tutto.... ancora un abbraccio

buon appetito, Gianni






Con questa ricetta partecipo al contest della cara Liliana







giovedì 28 aprile 2011

Pane con l'uvetta


Che posso dire? Quando mi prende la voglia di impastare non c'è moglie che mi fermi. E per fortuna che ne ho solo una!!! Ma cosa impastare? Stavo giusto comprando l'affettato quando sul bancone del pane vedo il pane con l'uvetta! Diciamoci la verità....il pane con l'uvetta è buono ed ha quella punta di dolce, ma dolce non è! Ed io con la scusa che piace ai miei figli....me lo sono preparato! Non è una ricetta particolarissima.....ma l'ho trovata nel libro di ricette di mia mamma...e poi ho scoperto che lei non l'aveva mai provato! Sono quelle classiche ricette ricevute da qualche vicina e poi dimenticate dentro il cassetto. Ma visto che adesso mi sono impadronito di quel libro, magari con il tempo cercherò di dargli una bella spolverata!

Ingredienti:

350 gr farina manitoba Molino Chiavazza
200 gr farina 00 Molino Chiavazza
300 ml di latte
100 ml di acqua
25 gr lievito di birra
1 uovo grande
150 gr di uvetta sultanina
50 gr di burro (io 25 gr)
2 cucchiai di miele (io 3 cucchiai)
1 cucchiaio di malto (io no)
1 pizzico di sale

Procedimento:
sciogliere il lievito nei 100 ml d'acqua con un cucchiaino di miele e far riposare fino a che inizia a schiumare. Setacciare le farine e metterle nella planetaria. Riscaldare il latte ed aggiungere tutto il miele e farlo raffreddare. Mettere l'uvetta in ammollo con un pò d'acqua tiepida per almeno 10 minuti. 
Accendere la planetaria ed aggiungere il lievito ed il latte. Quando l'impasto inizia a prendere forma aggiungere il sale. Una volta assorbiti i liquidi aggiungere l'uovo e farlo ben assorbire. Per ultimo il burro ammorbidito. Quando l'impasto è ben incordato, trasferirlo su  un piano di lavoro infarinato ed aggiungere l'uvetta, almeno in tre tempi, stendendo con le mani l'impasto e facendo le pieghe per rinforzarlo. Mettere a lievitare per almeno 2 ore dentro il forno con la luce accesa. Riprendere l'impasto, sgonfiarlo, lavorarlo 5 minuti e dividerlo in palline (io da 80 gr). Adagiare le palline su una placca foderata con carta forno e dimettere in forno a lievitare fino al raddoppio. Cuocere in forno preriscaldato a 220° per circa 10 minuti. Sfornare e far raffreddare su una grata. Io li mangio freddi....ma a casa mia dopo mezz'ora già iniziano ad addentarli!!!

Buon appetito, ciao Gianni





con questa ricetta partecipo al contest di Molino Chiavazza  mani in pasta








lunedì 25 aprile 2011

Ciambelle


Buona Pasquetta a tutte/i. Come avete passato la Pasqua? Avete mangiato abbastanza? A casa della mia mammina abbiamo mangiato come dei vitelli e per fortuna quest'anno abbiamo saltato gli antipasti! Giusto per farvi capire la mia cara mamma inizia 1 mese prima con la scelta del menù e poi quando si chiude in cucina...guai a chi si intromette! L'unica cosa che non prepara è il dessert, in particolar modo quest'anno che ci siamo offerti io ed il  Papero che per ancora chi non lo sapesse è il mio nipote più grande (e vedrete cosa ha combinato)! La mia idea era di preparare la colomba, ma dopo 2 tentativi disastrosi ho accantonato l'idea! Come sempre il blog mi viene in aiuto....e aprendo quello di Saretta m l'appetito vien leggendo ho trovato la ricetta di queste ciambelle! La cosa che mi è piaciuta di più è che queste ciambelle non sono fritte ma bensì fatte al forno, quindi leggerissime! Poi a piacere si possono grassare o ricoprire di cioccolato...questo a proprio gusto!

Ingredienti:

  • 15 gr di lievito di birra




  • 40 gr di burro


  • 1 uovo


  • 170 ml di latte


  • 1 cucchiaino di sale

  • 45 gr di zucchero semolato + 1 cucchiaino


Preparazione:

sciogliere il lievito nel latte tiepido con il cucchiaino di zucchero ed aspettare che si attivi. Setacciare  la farina e metterla in planetaria con lo zucchero. Iniziare ad impastare aggiungendo il latte con il lievito. Una volta assorbito il latte aggiungere l'uovo ed il sale. In fine aggiungere il burro ammorbidito ed lavorare bene l'impasto fino al completo assorbimento. Mettere a lievitare fino a raddoppiare il volume (circa 2 ore). Riprendere l'impasto e stenderlo con un mattarello dello spessore di 1 centimetro. Con 2 coppa pasta ricavare prima il cerchio grande e poi il buco al centro ed adagiare la ciambella su una placca coperta di cartaforno e far lievitare circa un'altra ora.....o fino al raddoppio. Cuocere in forno preriscaldato a 170° per 12/15 minuti....dipende dal forno. Guarnire a piacere con glassa o del cioccolato fondente....ma anche con del semplice zucchero a velo sono ottime!!!

Buon appetito

Ciao Gianni





con questa ricetta partecipo al contest di le ricette dell'amore vero 



   

mercoledì 20 aprile 2011

Tartelle per la carissima Serena


Rieccomi qua! Finalmente sono in forma e sono tornato al lavoro. E' chiaro però che un rientro così non me lo aspettavo, tra riunioni e tante modifiche sul trattamento finanziario. Praticamente 2 giornate di discussioni, calcoli ed incazzature....perché già si sa che quando ai piani alti propongono delle modifiche....significa che già hanno preso una decisione! Speriamo bene!

Comunque....parliamo di cibo che la cosa mi rilassa parecchio! Tre settimane fa il mio carissimo amico Paolo mi chiedeva se avrei partecipato ad una festa a sorpresa per la sua compagna e cara amica Serena. Conoscendo il mio lavoro non ho potuto promettere niente, ma dopo l'incidente alla schiena ho potuto confermare la mia presenza. Quando mancava una settimana mi è venuto spontaneo chiedere....."che preparo"???  Risposta: non serve che prepari niente perché la torta già l'ho ordinata, ma se hai voglia potresti fare dei salatini. Poi conoscendomi aggiunse: siccome farai a modo tuo ti avverto che saremo in 25.....mangioni!!!
Questo a casa mia si chiama "carta bianca". Dovevo pensare ad una cosa che non fosse una torta, ma allo stesso tempo dolce e che fosse, oltre che buono....bello nella presentazione. Che fare?? Girovagando tra i vostri blog arrivo a casa di Valerio e mi si illuminano gli occhi. Ecco cosa posso preparare! Gli faccio un paio di domande e disponibilissimo Valerio mi risponde ad un paio di dubbi che avevo.
Sabato mattina mi procuro tutti gli ingredienti che mi servivano ed impaziente come un bambino la domenica mattina mi metto all'opera! Spiegazione: la mia impazienza era dovuta al fatto che per la prima volta presentavo una ricetta al di fuori di casa mia, della mia famiglia....cioè a gente che conosci appena o per niente.

Il risultato?? con le dosi che vi darò mi sono uscite 42 tartelle e ne sono avanzate 3.....con presenti 16 adulti e 4 bambini.....ed io non le ho nemmeno assaggiate!!!! Devo precisare che prima dei dolci c'erano 2 vassoi di panini, 2 vassoi di tramezzini, salatini ripieni (li posterò più avanti) 4 torte salate e una meringata di 2 kg. Quindi mi sento libero di dire....provatele perché sono buonissime queste tartelle!!!!

Ho fatto quasi tutto uguale a Valerio e se volete confrontare le ricette la sua è qui

Ingredienti per la frolla:

500 gr di farina Molino Chiavazza
150 gr. di zucchero a velo
250 gr. di burro
1 cucchiaino di lievito
1 bustina di vanillina
2 uova
1 pizzico di sale

Per la farcia:

500 gr di ricotta
500 ml di panna
150 gr di zucchero
4 cucchiai colmi di cocco disidratato
frutta a piacere per decorare

Procedimento:

preparate la frolla e farla riposare 30 minuti in frigo. Poi tirarla con il mattarello ad uno spessore di 4 mm. Con l'aiuto di un coppa pasta tagliare la frolla del  diametro giusto per coprire i vostri stampini. Cuocere la frolla per 12 minuti a 180°e farli raffreddare per bene. Prendere la ricotta e setacciarla e montare la panna ben ferma. Incorporare lo zucchero ed il cocco alla ricotta e poi aggiungere piano piano la panna! Mettere il composto in una saccapoche con la bocchetta a stella e guarnire le tartelle. Aggiungere la frutta che più vi piace o gocce di cioccolato. Servitele in vassoio o come me in questi piattini finger food di atmosfera italiana. Vi lascio con le foto...che si spiegano da sole!

Buon appetito

Ciao Gianni





Con questa ricetta partecipo al contest di Pasticciona










sabato 16 aprile 2011

Dolce greco....o qualcosa di simile


Buonasera amiche ed amici...oggi un post velocissimo e super buono...e che si prepara in 5 minuti!!! Avete mai visto Luisanna del club delle cuoche sul canale Alice di Sky?? L'altro giorno sono riuscito a vedere una sua ricetta tra un Ben10 ed un Teletabis. Un nome lei non glielo ha dato quindi mi permetto di chiamarlo dolce greco! Vi ho promesso un post corto....e visto che febbre e raffreddore mi fanno gocciolare naso ed occhi passo subito alla ricetta!

Ingredienti per 4 coppette:

2 vasetti di yogurt greco 
1 tubetto di latte condensato
la buccia di 1 limone
il succo di 1/2 limone
4 biscotti secchi sbriciolati

Procedimento:

in una ciotola mettere la buccia del limone, il succo ed il latte condensato. Sbattere 2 minuti con il frullino, poi aggiungere lo yogurt e sbattere per atri 2 minuti. Aggiungere i biscotti  ed amalgamarli al composto. Dividerlo in 4 coppette e guarnire a piacere. Io ho guarnito con fragole per mie donne, noci tritate per il mortadella di mio figlio ed amarene per me! E voi come la volete???? Sono stato velocissimo vero?!? Vi auguro una buona domenica....visto che la mia sarà impegnatissima......vi racconterò!!!!

Buon appetito

Ciao Gianni






Con questa ricetta partecipo al contest di Irina


ed al contest di mamma papera's














giovedì 14 aprile 2011

Croissant....no "è pane"


Buongiorno. Oggi posso dire....finalmente....che il mal di schiena è passato e con lui la fastidiosa infiammazione al nervo sciatico!!! Quindi quando io sto bene mi riescono anche i nuovi esperimenti in cucina. Qualche giorno fa navigando nel web ho avuto la fortuna di imbattermi nel blog di Manuela o più conosciuta come Lory che però ahimè per il momento è in pausa dal blog, visto che dal 15 Ottobre dell'anno scorso non ha più pubblicato niente (ma ritornerà tra qualche mese)! E già che ci siamo qualcuno ha qualche notizia di Sara de "ildolcemondodisara"?? 
Dicevo....stavo gironzolando nel web e trovo questa ricetta che ha attirato la mia attenzione. Sembrano dei croissant ma invece è un pane turco che si chiama katmer. Quindi dopo aver chiesto, quasi in ginocchio, il permesso a mia moglie.....ho preparato tutti gli ingredienti e mi sono messo all'opera. E' un'impasto abbastanza semplice ed ha una specie di sfogliatura, ma per una descrizione più dettagliata.....anche se io ci ho provato a spiegare con le foto....vi rimando al post di Lory che da professionista com'è, lo ha spiegato in maniera perfetta...a prova di novellino....come me!!!

Ingredienti:

500 gr di farina 00 antigrumi Molino Chiavazza
200 ml di latte
100 ml di olio riso (uno leggero)
15 gr di lievito di birra
1 albume
2 cucchaini di sale
2 cucchiaini di zucchero
e
tuorlo e latte per spennellare 
80 gr di burro a pomata

Procedimento:

sciogliere il lievito nel latte e aspettare che schiumi. Mettere la farina nella planetaria, accenderla ed aggiungere tutti gli ingredienti. Una volta che l'impasto è formato, pesarlo e dividerlo in 8 parti uguali. Stendere, con il mattarello, le palline in dischi. Steso il primo disco, spennellarlo con il burro e metterlo da parte. Stendere il secondo ed adagiarlo sopra il primo....e spennellare di burro. Continuare così fino all'ottavo disco. Vedi foto.



Adesso, sempre con il mattarello, stendere la montagnola di dischi fino ad uno spessore di 1 cm circa, che poi con una rotella taglieremo in 16 spicchi.



Arrotolarli come fossero dei croissant e metterli a lievitare in su una placca ricoperta di carta forno per almeno 1 ora e mezza....anche 2.

Prima
Dopo

Spennellare con il tuorlo mescolato con il latte ed infornare in forno preriscaldato a 200° fino a doratura, per me 15 minuti. Il risultato è un pane particolare, morbido dentro e fragrante fuori e si può farcire a piacere. Ottimo per un buffet...perfetto per un picnic.

Versione salata con salame 

Versione dolce con marmellata di ciliege Rigoni di Asiago

Adesso vi lascio, buon appetito

Ciao Gianni


Con questa ricetta partecipo al contest di Mariacristina in collaborazione con Rigoni di Asiago










lunedì 11 aprile 2011

Pasticcini.....ed un grazie


Ciao carissime e carissimi come avete passato questo "pazzo" fine settimana?? Io dopo una settimana di costretto riposo, in casa praticamente non ci sono stato! Sabato mattina ho comprato pane, mortadella e salame, ho caricato la famiglia in macchina e ce ne siamo andati allo zoo. Ne ho giusto uno a 15 minuti da casa, non è grandissimo, ma per visitarlo bene ci vogliono comunque 2/3 orette!!! E poi, non so da voi, ma qui sabato abbiamo raggiunto i 34°......assurdo per essere il 9 di Aprile!!! Mi lascio immaginare come si sono divertiti i miei figli! Il grande già c'era stato ma essendo un'amante degli animali....allo zoo ce lo potrei anche lasciare....per la principessa invece era la prima volta.....ed era tutto un ahhhhhhh ohhhhhhhhhh....e poi anche lei come me è innamorata delle scimmiette!!! 
Poi ieri, domenica, scampagnata in montagna, sul monte Grappa. Normalmente ci andiamo a Maggio, ma quando il 10 di Aprile ci sono 20° a 1600 metri....

Prima di passare alla ricetta, non devo... ma voglio ringraziare la carissima Azzurra per la nuova grafica del mio blog! Magari qualcuno non se n'era nemmeno accorto, ma la grafica è stata completamente rivoluzionata ed ho pure un banner adesso. Se avete voglia di dare una rinfrescata alla vostra immagine ve la consiglio vivamente, perchè oltre ad essere professionale è anche molto paziente! Quindi cara Azzurra grazie di cuore!

Parliamo di questi pasticcini?? Vi andrebbe di addentare un pasticcino light, privo di zuccheri e grassi??? Allora siete cascate male....perchè questi non lo sono....hihihihi!!! Ma dai, un pasticcino non può essere light, e nemmeno senza zucchero o grassi! Questo è un pasticcino da tè delle 16:00 accompagnato da quattro chiacchiere tra amici! Sono velocissimi da preparare e vorrei consigliare un raddoppio di dosi perchè volano in un lampo!!!  

Ingredienti:

200 gr latte condensato
1 uovo
125 gr di burro a pomata
175 gr maizena molino chiavazza
175 gr farina per dolci molino chiavazza
60 gr di zucchero
2 cucchiai farina di cocco

per guarnire

zucchero di canna
marmellata 
cioccolato

Procedimento:

sbattere il burro con lo zucchero al quale aggiungiamo l'uovo ed il latte condensato! Poi (io l'ho fatto con la planetaria) togliere la frusta e montare il gancio o la foglia, ed aggiungere le farine. Formare una palla e farla riposare 30 minuti in frigo avvolta da pellicola trasparente. Dopo la pennichella riprendere l'impasto e formare delle palline grandi un pò meno di una noce. Alcune le ho schiacciate con una forchetta e spolverate con zucchero di canna, altre le ho semplicemente appiattite, spolverate con zucchero e gli ho conficcato una mandorla, le altre con l'aiuto del dito medio gli ho creato un buco dove ho messo marmellata o nocciolata!  Infornare a 170° per 15 minuti!

Adesso vi aspetto per un caffè???

Un abbraccio Gianni




Con questa ricetta partecipo al contest di Antonella






mercoledì 6 aprile 2011

Filetto di maiale....in camicia


Care amiche ed amici buongiorno, come state? Io oggi finalmente riesco a sedermi al pc, per postare un buonissima ricetta e per venire a farvi visita! Questa volta sono stato latitante dal mio e dai vostri blog per problemi fisici (ho pure un certificato medico). Venerdi scorso sono stato al parco con i figli ed ho voluto giocare a calcio!!! Decisamente certe cose non si devono fare a quasi 40 anni, e con la mia panzotta! Risultato? Strappo alla schiena da dove poi mi è partita pure la sciatica! Oggi è il primo giorno che posso star seduto per un pò, quindi ne approfitto!
La ricetta che vi presento oggi ha una storia alle spalle, quindi dopo la storia d'amore di pura fantasia per creare piacevole incontro , questa invece è una storia vera di una fortunata amicizia!
Circa 15 anni fa, durante una serata al bar, ho conosciuto Ermenegildo, che tutti chiamano Gildo, ma che io chiamo Mangiafuoco.....perchè fisicamente è uguale! La nostra amicizia è nata dopo una sua richiesta d'aiuto. Lui è un coltivatore diretto (contadino) ed allevatore! Aveva un problema meccanico e me ne parlò! Il giorno dopo, una domenica, andai a trovarlo e tra una fetta di salame ed un bicchiere di vino mi fece vedere il problema e cominciai a pensare alla soluzione! Pezzo di carta, una matita e 4 misure....e gli dissi: appena posso preparare i pezzi te li vengo a montare! Il giorno dopo mi ripresento alle 6 di sera con tutto il materiale. Ma lui non c'era e quindi mi ritrovo con la moglie Adelina ed il figlio Mario! Quattro chiacchiere e naturalmente pane, salame e vino, poi mi metto al lavoro. Quando ritornò Mangiafuoco già avevo finito e stavo provando il macchinario. Immaginate un uomo di 50 anni che piange di felicità, perché questa è la scena che avevo di fronte. Era felice, non solo perché la macchina funzionava, ma perché ero stato di parola e la gente vera, quella genuina come lui è una cosa che apprezza più di un assegno in bianco! Mi voleva pagare, ma visto che non avevo nemmeno pagato il materiale che conto gli potevo presentare?? La manodopera nemmeno, perché lo avevo fatto con piacere! Allora mi invitò a cena.....e mi presentano questa bontà, che si prepara in un momento e piace a tutta la mia famiglia.....principessa compresa! La considero un pò la mia ricetta della fortuna per il semplice motivo che grazie a questa ricetta è nata una stupenda amicizia, che tuttora continua, con delle persone "genuine" che apprezzano il vero valore dell'amicizia!!
I prodotti usati per questa ricetta naturalmente arrivano direttamente dal mio carissimo Mangiafuoco visto che da molto tempo è il mio macellaio di fiducia!!!

Ingredienti:

1 filetto di maiale (il mio 700 gr)
fettine di bacon (per 20 fette spesse 2 millimetri)
moutarde a l'Ancienne (senape)
insaporitore per carne ariosto
1 termometro da cucina

Procedimento:

prendere il filetto ed eliminare eventuali pezzi di grasso. Spolverare con l'insaporitore ariosto e massaggiarlo bene. Sfilettarlo con delle incisioni longitudinali e una volta aperto spalmare la moutarde.



Su un tagliere formare un letto con il bacon, arrotolare il filetto, adagiarlo al centro del letto e avvolgerlo completamente, punte comprese con 2 fettine messe di traverso. Con dello spago da cucina legare bene il tutto.



In una padella bella grande, senza aggiungere olio, rosolare il rotolo per i 4 lati, ben rosolati....e poi metterlo in forno a 180° per il tempo necessario che al suo interno si raggiungano circa 55°. Questo tempo può variare dalle dimensioni del filetto e per darvi un'idea al mio ci sono voluti circa 35-40 minuti.
Tagliare a fette e servire con un contorno a piacere. Io avendo a pranzo anche 2 nipoti ho optato per le patate arrostite.....che sempre piacciono ai bambini!

Buon appetito

Ciao Gianni




Con questa ricetta partecipo al primo contest di Valentina







  


Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...